BLOG

L'AGENTE DI VIAGGIO NELL'ERA DI INTERNET. INTERVISTA AD EZIO BARROERO

Oggi intervistiamo Ezio Barroero Presidente Labtravel nonché il co-fondatore insieme a Michele Zucchi del progetto Euphemia.

Ezio, come e quando è iniziata la sua esperienza con il turismo?

Quasi per caso, in quanto in qualità di Presidente della squadra di volley di Cuneo,  in quei tempi, sponsorizzata da Alpitour ho potuto accedere al mondo del turismo e conoscerlo da vicino. Ho potuto altresì comparare la mia esperienza nel settore della distribuzione alimentare con quella turistica e con l’incontro abbastanza fortuito con Michele Zucchi che in quegli anni all’interno della propria Agenzia stava iniziando a sviluppare un modello di vendita con consulenti esterni,  abbiamo iniziato ad analizzare le potenzialità di un canale che già dava risultati significativi all’estero (Stati Uniti, Canada, Regno Unito) ma non nell’Europa più meridionale. Lo start up e lo sviluppo ci hanno impegnati per tre anni nei quali anche grazie a consulenti e dirigenti molto preparati abbiamo ideato il Progetto “Euphemia”

 Come nasce il progetto Euphemia?

Come la maggior parte delle cose nuove anche il ns. progetto nasce dal bisogno di affrontare nuove situazioni: la crisi economica e la nuova “invadenza” di Internet che di fatto stanno cambiando le dinamiche del Turismo. Diminuiscono i guadagni degli Agenti e pertanto si deve pensare a modelli nuovi più economici e più diretti al cliente finale dove la centralità del sistema diventa esclusivamente l’Agente di Viaggio che in Euphemia prende il nome di  “Personal Voyager” ovvero consulente di turismo che è la loro vera professione.

Qual è la differenza con l’idea classica di agenzia di viaggio?

Al centro del Progetto “Euphemia”  c’è l’Agente di Viaggio con i suoi clienti che sono l’unico vero valore da coltivare e “coccolare” e non il posto fisico con tutti i suoi costi ed incombenze.

 Quali sono le caratteristiche del perfetto personal voyager?

Avere un’esperienza almeno decennale di vendita. Possedere un buon portafoglio clienti. Avere entusiasmo e disponibilità al rapporto con le persone.

 Che servizio riceve da Euphemia il personal voyager?

Il nostro P.V. deve dedicarsi esclusivamente al rapporto con il clienti per dare loro tutta l’attenzione e la professionalità che loro stessi si aspettano.

Per questo ci richiede di provvedere con persone dedicate a tutto il resto:

La fornitura dei sistemi di prenotazione. 

La gestione contabile, amministrativa e dei contenziosi.

La gestione dei fornitori (contrattualistica, pagamenti, controlli delle pratiche e ottimizzazione delle marginalità).

La fornitura di garanzie e fidejussioni a Fornitori e Banche.

La continua ricerca di esclusive soluzioni di marketing per migliorare costantemente il rapporto con i clienti e conquistarne di nuovi.

La possibilità di coltivare nuovi territori di sviluppo (Aziende-Gruppi-Incentive-Scuole-Corsi di formazione linguistica-Eventi sportivi-Eventi culturali-ecc.).

 

Ezio Barroero

ezio.barroero@labtravel.it

PASSIONE, DISPONIBILITA’ E TENACIA: IL PV SECONDO DANIELA PRETTO

Nome e Cognome: Daniela Pretto

Area geografica di competenza: Vicenza e dintorni

Per contattare Daniela: daniela.pretto@euphemia.it

Daniela come è cominciata la tua esperienza di Personal Voyager? 

E’ iniziata da bambina, sognando davanti ad una mappamondo, leggendo il romanzo “ Il giro del Mondo in 80 giorni” e guardando la miniserie in tv  “MARCO POLO” del 1982 , rapita dall’emozione e dall’avventura del viaggiare, dello scoprire nuovi Paesi, nuove culture, usi e costumi diversi dai nostri. L’arte del fondersi con il luogo che ci ospita e “assaggiare” vari pezzetti di Mondo ..sono diventati il mio piacevole tormento ogni volta che ho la possibilità di prendere un aereo…e vi confesso che mi sento sempre tanto felice come i bambini alle giostre!

Cosa differenzia fra il tuo lavoro e un’agenzia di viaggio tradizionale?

Rispondo a questa domanda riportandovi qui di seguito il commento di una coppia di miei clienti per cui ho avuto la fortuna di organizzare il viaggio di nozze. 

"Eravamo entrati più volte prima del matrimonio in varie agenzie per avere idee di viaggi, il rapporto tipo che ci era capitato di instaurare non andava oltre al prendere il catalogo e sfogliarlo a casa. Con Daniela abbiamo avuto la fortuna di avere una delle cose di cui hai più bisogno quando sei dall’altra parte del mondo e non sai l’inglese: una grandissima disponibilità. Ma non solo abbiamo potuto chiamarla a qualsiasi ora del giorno, prima di partire si è creato un rapporto di fiducia, tipico di chi ci mette il cuore in quello che fa, sapendo che ha in mano le due settimane più intense della vita di una coppia. Abbiamo avuto appuntamenti negli orari che più ci facevano comodo, preventivi personalizzati con tre resort, offerte aeree prese all’ultimo minuto, il che vuol dire che Daniela ha lavorato molto intensamente per noi!"

Chi è il tuo cliente modello? Un cliente che si lascia consigliare, che accetta consigli o che preferisce scegliere anche un viaggio originale, un po’ “fuori dal comune”

Quali sono le tre parole chiave che rendono speciale il tuo lavoro? 

Passione, disponibilita’ al cliente  e tenacia

Ogni personal voyager ha delle mete preferite, quali sono le tue e perché? 

Sicuramente i Caraibi, mete stupende e sicure , in particolare Cuba, destinazione di tendenza che offre varie opportunita’ di escursioni nel favoloso mondo coloniale, l’ Havana , Santa Clara, Trinidad vivendo la piena solarita’ e allegria di un popolo che ha fatto della sua musica un mito come quello del “Buena Vista Social Club”.

Daniela Pretto

Contatti: http://www.euphemia.it/1/daniela_pretto_10166819.html

PASSIONE, PAZIENZA E ONESTA': IL PV SECONDO ALESSANDRA MATTIOT

Nome e Cognome: Alessandra Polla Mattiot

Area geografica di competenza: Cuorgnè e Canavese

Per contattare Alessandra: alessandra.mattiot@euphemia.it

Alessandra come è cominciata la tua esperienza di personal voyager?

Nel 2012, dopo un’esperienza di quattro anni in agenzia viaggi. La voglia di dedicare più spazio al cliente, per “coccolarlo” prima, durante e dopo il viaggio mi ha portato a diventare un consulente privato.

Cosa differenzia il tuo lavoro e un’agenzia di viaggio tradizionale?

L’agenzia ha dei ritmi stressanti. Il tempo e la serenità da dedicare al cliente sono fondamentali per capire le sue esigenze e trovare insieme la migliore soluzione. Per ogni cliente esiste un viaggio su misura ma non bisogna avere fretta. A me piace ascoltare e adoro trasmettere la mia passione per i viaggi. Io non vendo ma consiglio e realizzo dei sogni. Ogni viaggio deve essere speciale e rimanere nel cuore di chi lo vive. 

Chi è il tuo cliente modello?

Il cliente che si affida alla mia esperienza e professionalità, colui che mi dice “queste sono le date, fai tu, mi fido di te”

Quali sono le tre parole chiave che rendono speciale il tuo lavoro? 

Passione, pazienza, onestà.

Ogni personal voyager ha delle mete preferite, quali sono le tue e perché? 

Gli Stati Uniti dove mi sento a casa e la Thailandia per la spiritualità che mi è stata trasmessa da un popolo speciale che vive in luoghi meravigliosi. 

Alessandra Polla Mattiot

Contatti: http://www.euphemia.it/1/alessandra_polla_mattiot_10237825.html

AUTONOMIA, PROFESSIONALITA' E GRATIFICAZIONE: IL PV SECONDO DANIELA PAROLA

Nome e Cognome: Daniela Parola

Anni di professione o precedenti esperienze professionali: Vent'anni nel settore turistico

Area geografica di competenza: Piemonte-Cuneo

Come e quando è cominciata la tua esperienza di personal voyager?

La mia esperienza da PV è iniziata nel settembre del 2013 quando sono entrata a far parte di Euphemia.

Cosa differenzia il tuo lavoro e un’agenzia di viaggio tradizionale?

Il personal voyager è colui che ha voglia di rimettermi in gioco, di dimostare professionalita', esperienza. Nel mio lavoro voglio potermi dedicare solo al mio cliente senza dovermi preoccupare della parte per me piu' difficile e "noiosa" quale la contabilita' e i contatti con i Tour operator. Questo è possibile perchè son affiancata da un gruppo di persone competenti in materia.

Chi è il tuo cliente modello? 

Il mio cliente modello "non esiste". Ogni cliente è importante e sta a noi cercare di capire cio' di cui lui ha bisogno cercando di aiutarlo nella ricerca e preparazione del suo viaggio"ideale"

Quali sono le tre parole chiave che rendono speciale il tuo lavoro?

 Autonomia, professionalita' e gratificazione

Ogni personal voyager ha delle mete preferite, quali sono le tue e perché? 

Parigi : adoro la lingua francese e la citta' è romantica, bellissisma, sempre in evoluzione ,sempre ricca di nuove attrazioni. Caraibi : mare, sole, natura, allegria. Egitto storia, fascino e cultura.

Daniela Parola

Contatti: http://www.euphemia.it/1/daniela_parola_10166533.html

VIAGGI DI NOZZE E... NOZZE IN VIAGGIO!

Abbiamo il piacere di pubblicare sul nostro blog un articolo di Marta, Wedding Planner anima di Love Case. Marta collabora con Daniela, una delle Personal Voyager di Euphemia. Da una loro chiacchierata è venuto fuori questo interessantissimo post. Tutto da gustare, tutto da leggere. 

LA WEDDING PLANNER INTERVISTA LA PERSONAL VOYAGER

Ciao spose…vogliamo parlare di quanto bello sia passare i primi venti giorni dopo il matrimonio, voi e lo sposo, in una remota località oltreoceano, con cene in spiaggia a lume di candela o escursioni subacquee o visitando una metropoli da sogno come New York, Los Angeles o Bangkok? E se invece fosse…un Giro del Mondo con tappa in Polinesia?

Oppure vogliamo magari pensare a dire “Si, Lo voglio!” in riva al mare ai Caraibi o a Mauritius  con il rumore delle onde, oppure in Sudafrica in mezzo alla natura, o nella ormai leggendaria Dubai?

Insomma, vogliamo sognare in grande?

Abbiamo conosciuto Daniela di Euphemia, una Personal Voyager che si mette a disposizione delle coppie e insieme a loro progetta e realizza il viaggio dei loro sogni…

Wedding Planner e Personal Voyager...cosa desiderate di più?

Ciao Daniela, da quanto tempo lavori nel mondo dei viaggi?

Buongiorno a tutte!

Sono in questo settore da quasi 24 anni..per la verita’ varie esperienze lavorative mi hanno portata nella direzione in cui credo gia’ da diverso tempo: creare  un servizio personalizzato al cliente, coccolandolo e dando piena disponibilita’ nel realizzare qualunque tipo di viaggio.

Com’è nata la tua passione?  E’ iniziata da bambina, sognando davanti ad una mappamondo, leggendo il romanzo “ Il giro del Mondo in 80giorni” e guardando la miniserie in tv  “MARCO POLO” del 1982 , rapita dall’emozione e dall’avventura del viaggiare, dello scoprire nuovi Paesi, nuove culture, usi e costumi diversi dai nostri.

L’ arte del fondersi con il luogo che ci ospita e “assaggiare” vari pezzetti di Mondo ..sono diventati il mio piacevole tormento ogni volta che ho la possibilità di prendere un aereo…e vi confesso che mi sento sempre tanto felice come i bambini alle giostre.. !!  

Raccontaci l’organizzazione di un viaggio di nozze-tipo.

Solitamente mi piace molto ascoltare gli sposi, incontrarmi con loro di persona (o nel caso non fosse possibile via skype!) cercare di capire qual è il viaggio più adatto secondo non solo il budget preposto, ma soprattutto secondo le loro aspettative.

Credo infatti che alcune delusioni in un viaggio possano nascere proprio da un’ aspettativa non corrisposta con la realtà della destinazione scelta.

Ad esempio un viaggio di nozze a Zanzibar, nonostante la location piu’ lussuosa scelta, non preclude il fatto che siamo in Africa, un Paese povero, dove le  difficolta’ tra la popolazione sono evidenti, perciò non ci si puo’ “infastidire” davanti alla povertà, altrimenti  sarebbe meglio cambiare destinazione e scegliere le Maldive o Aruba, un piccolo paradiso rinomato tra i Caraibi di lusso.

Un viaggio di nozze, a mio avviso, e’ come un profumo: deve corrispondere al tipo di pelle che sa esaltarne la fragranza e ognuno di noi lo “sente” in modo diverso.

Non possiamo quindi fidarci del solo consiglio di un amico in quanto abbiamo, più spesso di quanto crediamo, esigenze, idee e valutazioni diverse gli uni dagli altri.

Capire, consigliare, cercare, trovare e anche “cucire” ad hoc per ognuno il proprio viaggio di nozze ideale, come il lavoro certosino dei vecchi sarti.. le proposte che si possono fare sono davvero tra le piu’ disparate..( tour in 4×4 nel Deserto, fly and drive in California, safari  in Sudafrica, mare e cultura nel Mediterraneo, visitare una o più città in Europa o una metropoli come la mitica New York, la visita delle tribù del Nord in Thailandia, oppure…beh.. sposi chiamatemi, che ve ne parlo dal vivo! 

Spesso propongo agli sposi la lista nozze, mai come oggi organizzata in modo davvero impeccabile!

Una persona appositamente  loro dedicata con la possibilita’ di creare inviti personalizzati e realizzare tutto ad hoc on line, in modo da semplificare il più possibile qualsiasi procedura e avere un aggiornamento costante sulle “quote” regalate.

(per informazioni specifiche vi posso proporre una simulazione: daniela.pretto@euphemia.it)

Sposarsi all’estero: follia o sogno realizzabile?

Questo è il tema più di tendenza tra le varie ipotesi di viaggio di nozze.. i matrimoni all’estero stanno diventando una nuova moda anche italiana.. così come è in aumento anche la tendenza da parte degli stranieri di venire a sposarsi in Italia..

Non e’ assolutamente follia sposarsi all’estero, i costi variano chiaramente dalla destinazione, dal numero degli invitati, da come si vorrebbe “confezionare” ogni dettaglio.. diciamo che sono numerosissime le locations con dei “pacchetti matrimonio” già pronti e organizzati di tutto punto.

Ho avuto l’occasione di vedere già allestiti dei matrimoni da farsi in diversi luoghi paradisiaci oltreoceano, tipo a Mauritius, Santo Domingo, perfino a Cuba.. ma anche nel Mediterraneo, tipo in Grecia, a Creta o in Spagna a Minorca e in Costa Brava.

Quindi  sposarsi fuori Italia e’ fattibilissimo per “ogni tasca”  percio’ non smettete di sognarlo e anzi.. iniziamo a lavorare insieme per farlo! 

Articolo originale: http://www.thelovecase.com/?p=2248